The Greatful Dead

Nati nella metà degli anni Sessanta dalla effervescente scena hippie della West Coast durante il momento di massima creatività del celebre distretto di Haight-Ashbury a San Francisco i Greatfull dead sono considerati uno dei gruppi più influenti nella storia del rock statunitense e tra i creatori del rock psichedelico.

Essi partono dalle classiche forme del folk-rock trasformandole gradualmente in un indimenticabile viaggio psichedelico di grande profondità ed impatto emotivo. Il culto legato al loro nome è da subito enorme e trascinante, forse il più oceanico mai testimoniato in ambito di musica rock. I loro concerti sono stati degli eventi innanzitutto sociali a cui i loro fan, i cosiddetti “deadheads”, partecipano con tutta la famiglia.

La loro massima invenzione è il lungo brano di improvvisazione di gruppo, l’equivalente rock della jam del jazz. A differenza del jazz, in cui la jam sublima l’angoscia del popolo afroamericano, la jam dei Dead costituisce la colonna sonora dell’LSD e con gli anni viene a rappresentare un’intera ideologia di fuga dal Sistema, di liberta` espressiva, di vita alternativa. Le infinite scale ascendenti e discendenti di Garcia, cantante e leader carismatico del gruppo, sono fra le imprese piu` titaniche tentate dalla musica rock.

Soprattutto agli inizi non hanno venduto che pochi dischi, la loro forma espressiva è sempre stata il concerto ed anche in seguito hanno preferito sempre esprimersi dal vivo piuttosto che codificare su vinile le loro “canzoni”. Non esiste infatti una versione definitiva dei loro brani, esistono soltanto versioni su disco e versioni che non sono finite su disco.

In tal senso i Grateful Dead hanno rivoluzionato il concetto di musica rock così come il jazz ha rivoluzionato, in generale, il concetto europeo di musica con l’idea che la musica “non la si può mettere a sedere o inchiodarla a terra”, riprendendo una frase del celebre jazzista Sidney Bechet, deve essere improvvisata.

Annunci

~ di vjchris3 su 30 marzo 2010.

Una Risposta to “The Greatful Dead”

  1. […] migliori del panorama musicale di quegli anni, quali Joan Baez, Canned Heat, Creedence Clearwater, Greatful Dead, Janis Joplin, Jefferson Airplane, Santana, The Who, Joe Cocker e Jimi Hendrix per citare i nomi […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: