Le origini del jazz

Alla fine del XIX secolo a New Orleans e popolata da un gran numero di Afroamericani, i discendenti degli schiavi neri che anni prima avevano coltivato le piantagioni dei bianchi, ma che ora in Luisiana godono di maggiori libertà.

Questa migliore condizione sociale  favorisce l’espressione e la diffusione delle reminiscenze della musica africana, dei richiami di lavoro, dei canti blues, e permette una buona integrazione culturale con gli immigrati inglesi, francesi e spagnoli.

Manifestazioni di questa fusione sono evidenti nei luoghi di maggiore contatto sociale, in spettacoli d’intrattenimento e cerimonie religiose, come i funerali al termine dei quali le “second line” delle bande, in cui poteva partecipare praticamente chiunque avesse uno strumento e si sentisse di suonarlo in pubblico, rallegravano l’epilogo cerimoniale con musiche considerevolmente più libere e vivaci che già manifestava molte delle caratteristiche che oggi riconduciamo alla musica jazz.

Le radici di questa musica affondano certamente nella cultura musicale africana come il blues ma sono ben evidenti dal  ragtime pianistico, dalla vicinanza per certi aspetti alla musica europea per banda militare, ai canti delle cerimonie religiose protestanti, e perfino ad echi dell’opera lirica, anche le contaminazioni legate alla musica europea: se la combinazione armonica e melodica che si trova nel blues non ha riscontro nella musica occidentale, si ritrova nel jazz fino dalle origini.

Improvvisazione, ritmo swing spesso sincopato e il tono maliconico dato dall’uso delle blue note sono peculiarità del genere e contribuiscono a creare ed accentuare la forte espressività e la dinamicità del jazz.

Annunci

~ di vjchris3 su 19 marzo 2010.

9 Risposte to “Le origini del jazz”

  1. E come potrei oggi vivere senza quelle meravigliose conquiste che i nostri fratelli neri ci hanno tramandato da oltre un secolo fa. Peccato che oggi tutto questo è appannaggio della minoranza della gente e in molti non distinguono neanche quale sia la differenza tra jazz, blues e rock. Ciao!

  2. […] and roll, rhythm and blues, country degli anni 1940 e 1950 e ha anche richiamato la musica folk, jazz e musica classica. Il suono del rock ruota spesso intorno alla chitarra elettrica, basso elettrico, […]

  3. […] e controversi della musica rock, alla quale hanno unito con successo elementi blues, psichedelia e jazz. Molti dei loro brani, come “Light My Fire”, “The End”, […]

  4. […] sistematicamente in testa a tutti i “poll” di critici del mondo, persino di quelli del jazz. Non esiste la stessa unanimita` per cantanti o batteristi o tastieristi. La sua statura come […]

  5. […] invenzione è il lungo brano di improvvisazione di gruppo, l’equivalente rock della jam del jazz. A differenza del jazz, in cui la jam sublima l’angoscia del popolo afroamericano, la jam dei […]

  6. […] elementi dalla musica popolare giamaicana (Mento,Calypso) e soprattutto dagli influssi R&B e jazz in voga negli Stati Uniti in […]

  7. […] jazz gli assolo hanno una grande libertà che varia a seconda dello stile jazzistico; il Free Jazz ad […]

  8. […] ed hanno portato a riconoscere nella sua musica quella genuinità che solo un maestro della musica jazz riesce ad imprimere nelle sue […]

  9. […] considerato uno degli iniziatori di quella musica improvvisata che più tardi prese il nome di jazz. Nato a New Orleans nel 1877,  già giovanissimo viene riconosciuto un virtuoso di cornetta, che […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: