William Cristopher Handy

Spesso definito come The Father of The Blues, nato il 16 Novembre del 1873 a Muscle Shoals, vicino Florence, è uno degli artisti più rappresentativo delle Origini del Blues

Fin da giovanissimo ha iniziato a studiare musica, esibendosi per molti anni come trombettista in varie Big Band; all’età di diciotto anni decide di lasciare la famiglia per dedicarsi interamente al suo vero amore; ha lavorato in molti quartetti vocali girando il Sud degli Stati Uniti.

La sua autobiografia narra di un episodio accadutogli in uno di questi viaggi e che segnò la sua vita di musicista: in un caldo pomeriggio d’estate, Handy si trovava in una piccola stazione ferroviaria del Mississipi aspettando il treno insieme con altre persone. Improvvisamente notò, fra la gente in attesa, un ragazzo di colore che stava suonando la chitarra in un modo particolare, cioè strofinando sulle corde una lama e accompagnando tale suono con la voce, in un ripetersi di melodie mai ascoltate prima di allora, ma che s’incisero nella mente di Handy.

Nei suoi successivi viaggi in Mississipi gli capitò molte volte di sentire, fra le strade polverose delle piantagioni, questi lamenti provenienti dalle baracche dei lavoratori dopo una giornata di duro lavoro nei campi e subito gli tornava in mente il ragazzo alla stazione ferroviaria. Handy decise di adattare questo suono alle sue performance, insomma, riportò per la prima volta su uno spartito lo spirito che avvolgeva le campagne del Mississipi di fine ‘800.

Nel 1896, W.C.Handy divenne direttore dell’orchestra Mahara’s Minstrels, gruppo che suonava musica popolare, alcuni pezzi di musica classica  e non disdegnava di eseguire anche brani da ballo. Handy fu il primo a comporre e pubblicare un brano, la strumentale Memphis Blues (1912), nel cui titolo fosse presente appunto laparola Blues e che fu scritta per supportare la campagna politica del sindaco di Memphis, Edward Crump. A quest’ultima seguirono altre composizioni, St.Louis Blues, grande successo commerciale che portò il Blues ad un più ampio pubblico, Beale Street Blues, Ole Miss, St.James Infermery e Yellow Dog Blues, ispirando così anche altri compositori come Perry Bradford, autore di Crazy Blues, il primo Blues in assoluto ad essere registrato (1920).

Fondò anche una propria piccola casa discografica, la Handy Record Company, ma fallì pochi anni dopo. Però, continuava con grande successo il cammino della Memphis Orchestra che divenne molto celebre in tutto il paese.

Nel 1930, Handy cominciò a soffrire di problemi agli occhi e questo lo costrinse a ridurre i suoi impegni lavorativi. Nel 1938 uscì la sua autobiografia, The Father of The Blues e nello stesso anno fu organizzato un concerto tributo in suo onore alla Carnegie Hall di New York, tempio della musica degli Stati Uniti. Nei seguenti anni, Handy non fu molto attivo e morì il 28 Marzo del 1958 a New York City.

Non esistono tutt’oggi sul mercato le versioni originali registrate dall’orchestra di W.C.Handy, la sua musica è arrivata a noi soprattutto attraverso le esecuzioni di Louis Armstrong.

Gli è stato dedicato con il suo nome un parco a Memphis dove si trova anche una statua che lo ritrae. Il W.C. Handy Award è la più importante onoreficienza attualmente che premia annualmente i migliori musicisti Blues. Esiste anche un francobollo della Posta Americana che ritrae l’effige di Handy. Sebbene  nessuna persona si può vantare di essere il padre del Blues ed Handy non era certamente per temperamento, sempre elegantemente vestito, ed estrazione sociale quello che si può definire un Bluesman, senza dubbio contribuì moltissimo a popolarizzare e pubblicizzare ciò che fino allora era solo un fenomeno locale presente esclusivamente nelle povere comunità afro-americane del Mississipi e se oggi il Blues è diffuso in tutto il mondo è anche merito di William Christopher Handy, il gentiluomo del Blues.

Annunci

~ di gionnyb su 18 marzo 2010.

Una Risposta to “William Cristopher Handy”

  1. Interessante…finalmente un blog serio che parla di musica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: